Tag : Oic 29

La correzione degli errori di bilancio

La correzione degli errori di bilancio è l’argomento del nuovo Strumento mensile a cura dei professionisti CLA Consulting, disponibile nella sezione dedicata del nostro sito.

Durante la fase di rilevazione contabile dei fatti di gestione e in fase di redazione del bilancio d’esercizio, può verificarsi la necessità di dover correggere errori commessi nei precedenti esercizi. In questi casi, che siano errori matematici, dovuti ad erronee interpretazioni di fatti oppure errori dovuti a negligenza nel raccogliere le informazioni ed i dati disponibili, è necessario, da un lato, determinare il corretto comportamento contabile da seguire e, dall’altro, verificare la rilevanza fiscale della relativa correzione.

Di seguito l’indice del documento:

  • Premessa
  • La definizione di errore
  • Aspetti contabili
  • Aspetti fiscali

CONSULTA LIBERAMENTE IL DOCUMENTO COMPLETO IN ARCHIVIO

RICEVI NOTIZIE E APPROFONDIMENTI PERIODICI A CURA DEI PROFESSIONISTI CLA CONSULTING

Il coronavirus si riflette anche sui bilanci del 2019

Autori: Primo Ceppellini e Roberto Lugano
Testata: Il Sole 24 Ore

Sono di tutta evidenza i drammatici effetti che l’epidemia di coronavirus avrà sull’economia reale 2020, nonché sui bilanci che le imprese chiuderanno alla fine dell’anno corrente. È però possibile che già alcuni aspetti dei bilanci 2019 siano interessati.

I tre principi

1. Oic 29: fatti successivi
Il termine entro cui il fatto si deve verificare perché se ne tenga conto è la data di formazione del bilancio (in genere, la data di redazione del progetto di bilancio da parte degli amministratori). Ma se tra la data di formazione del bilancio e la data di approvazione dell’assemblea si verificano eventi tali da avere un effetto rilevante sul bilancio, gli amministratori debbono modificare il progetto di bilancio, nel rispetto del procedimento previsto per la formazione del bilancio

2. Oic 9: liquidazione
L’abbandono dei criteri di funzionamento propri del bilancio d’esercizio e il passaggio ai criteri di liquidazione deve avvenire quando l’azienda non costituisce più un complesso produttivo funzionante. Fino a quel momento non è lecito abbandonare i criteri “di funzionamento”, ma è necessario applicarli nella prospettiva della cessazione dell’attività e della liquidazione dell’impresa

3. Oic 9: perdite durevoli
La società valuta a ogni data di riferimento del bilancio se esiste un indicatore che un’immobilizzazione possa aver subìto una riduzione di valore. Nel caso, stima il valore recuperabile dell’immobilizzazione ed effettua una svalutazione solo nel caso in cui tale valore sia inferiore al valore netto contabile

1. Fatti successivi alla chiusura dell’esercizio

Siamo in presenza di accadimenti successivi alla data di chiusura dei bilanci 2019, e quindi occorre fare riferimento alle indicazioni del principio contabile Oic 29. Il paragrafo 59 distingue tre ipotesi:

a) fatti successivi che devono essere recepiti nei valori di bilancio (ipotesi che qui non interessa);
b) fatti successivi che non devono essere recepiti nei valori di bilancio, ovvero i fatti che indicano situazioni sorte dopo la data di bilancio che non richiedono variazione dei valori di bilancio, in quanto di competenza dell’esercizio successivo, bensì indicazione in nota integrativa;
c) fatti successivi che possono incidere sulla continuità aziendale…

CONSULTA LIBERAMENTE L’ARTICOLO COMPLETO

RICEVI NOTIZIE E APPROFONDIMENTI PERIODICI A CURA DEI PROFESSIONISTI CLA CONSULTING

OIC 29: Cambiamenti di principi e stime contabili, correzione di errori, …

È online nella sezione Strumenti del nostro sito la pubblicazione monografica sul principio OIC 29: cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzione di errori, fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio. Nella prima parte dell’approfondimento, aggiornato al 15 dicembre 2017, viene analizzata la disciplina contabile nazionale in merito alle fattispecie definite dall’OIC 29. Nella seconda parte vengono esaminati i cambiamenti nelle stime contabili e le modalità di correzione degli errori per i soggetti che redigono il bilancio in base a quanto previsto dal principio contabile internazionale IAS 8 (denominato “Principi contabili, cambiamenti nelle stime contabili ed errori”). Nella terza infine, verranno esposte le principali implicazioni di natura fiscale che riguardano le fattispecie sopra delineate così come previsto dal DPR 22 dicembre 1986 n. 917 (TUIR).

Di seguito l’indice del documento che può essere consultato nella sua interezza e scaricato liberamente dal nostro archivio.

Parte prima – Il principio contabile nazionale OIC 29

  1. I cambiamenti di principi contabili;
    1. La rilevazione in bilancio;
    2. Esempio di cambiamento di principio contabile;
    3. L’informativa nella nota integrativa;
  2. I cambiamenti di stime contabili;
    1. La rilevazione in bilancio;
    2. Esempio di cambiamento di stima contabile;
    3. L’informativa nella nota integrativa;
  3. La correzioni di errori;
    1. La rilevazione in bilancio;
    2. Esempio di correzione di errori contabili;
    3. L’informativa nella nota integrativa;
  4. I fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio;
    1. La rilevazione in bilancio;
    2. Esempio di fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio;
    3. L’informativa nella nota integrativa.

Parte seconda – Il principio contabile internazionale IAS 8

  1. I soggetti interessati;
  2. Finalità;
  3. Il cambiamento di principi contabili;
    1. La rilevazione in bilancio;
    2. Le informazioni integrative;
  4. Il cambiamento delle stime contabili;
    1. La rilevazione in bilancio;
    2. Le informazioni integrative;
  5. La correzione degli errori;
    1. La rilevazione in bilancio;
    2. Le informazioni integrative.

Parte terza – Confronto tra l’OIC 29 e lo IAS 8;

  1. Il cambiamento di principi contabili;
  2. Il cambiamento di stima contabile;
  3. La correzione di errori.

CONSULTA IL DOCUMENTO COMPLETO IN ARCHIVIO